Pensiero e azione federalista

print this page

Il federalismo è un teoria politico-istituzionale che sta alla base di una nuova forma di Stato; si distingue sia dallo Stato unitario (dove esiste un unico governo, a livello centrale) sia dalla confederazione (unione tramite trattati tra Stati indipendenti e sovrani). Nello Stato federale vi sono due livelli di governo (centrale e locale), dotati di competenze autonome e distinte. Primo esempio di Stato federale furono, a partire dal 1787, gli USA: in questo caso il federalismo fu usato per unire Stati in origine sovrani; ma può essere usato anche per dare autonomia a regioni originariamente facenti parte di uno Stato unitario. La crisi del sistema europeo degli Stati nazionali manifestatasi nel 20° sec., nel periodo tra le due guerre e poi nel secondo conflitto mondiale, diede nuovo impulso alle dottrine federaliste, sia come ricetta di organizzazione dello Stato sia soprattutto sul versante delle relazioni internazionali, sviluppandosi nella prospettiva della federazione europea e eventualmente di una futura federazione mondiale.

Tuttavia l'idea di un'Europa unita parte dal mito del Ratto d'Europa e affonda le sue radici nel pensiero greco, nella civiltà romana, nel Cristianesimo medioevale. Inoltre, veri e propri progetti di unire l'Europa in una unica entità statale si ritrovano già presso il duca di Sully (1638), William Penn (1693), l'Abbé de Saint Pierre (1712), Immanuel Kant (1795).

Nel periodo tra le due guerre l'idea di costruire una Federazione europea si fa più pressante, e si ritrova in Kalergi (1923), Stefan Zweig (1934), Lionel Robbins (1937), William Beveridge (1940).

Infine con il Manifesto di Ventotene (1941) Altiero Spinelli, Ernesto Rossi, Eugenio Colorni, pongono le basi teoriche del Federalismo europeo: da quella idea, dalla necessità di salvaguardare la pace e la condivisione di uno stesso progetto tra gli Stati d'Europa, nascerà quella che oggi chiamiamo Unione europea.

Fonti: Enciclopedia Treccani ; Wikipedia.

Il Movimento Federalista Europeo (MFE) è stato fondato a Milano nel 1943 da Altiero Spinelli insieme ad un gruppo di antifascisti che aveva individuato nella battaglia per la creazione della Federazione europea, cioè degli Stati Uniti d’Europa, lo scopo prioritario della lotta politica per affermare stabilmente la pace, la libertà, la democrazia e la giustizia sociale. Il MFE non è né un partito né un semplice gruppo di pressione. La sua lotta segue la linea tracciata dal Manifesto di Ventotene (1941). Il MFE vuole unire e non dividere le forze favorevoli all'unità europea e, per garantirsi l’autonomia culturale, politica, finanziaria ed organizzativa, basa la sua esistenza sull'autofinanziamento e sul lavoro volontario dei militanti. Sul piano della lotta politica, il MFE rifiuta la violenza come metodo di lotta politica, non partecipa alle elezioni, conduce iniziative di sensibilizzazione verso le istituzioni politiche, gruppi della società civile, tutti i cittadini europei.

Fonte: sito MFE 

Centre International de Formation Européenne (CIFE) – sede Nizza. Fondato nel 1954 da A. Marc, si è proposto di formare le giovani generazioni alla cultura europea e al pensiero federalista. Ha svolto compiti di dibattito politico-culturale attraverso la rivista “L’Europe en formation” e Convegni aperti anche alle nuove sfide aperte dall’allargamento ai paesi dell’Est e dei Balcani, e anche alla dimensione mediterranea dell’Europa. Istituzione di insegnamento superiore e di ricerca negli studi sull'integrazione europea e le relazioni internazionali; fa parte del programma Erasmus e forma le giovani generazioni all'attività nelle principali organizzazioni internazionali.

Fonte: sito CIFE

Istituto Universitario Europeo (EUI) – sede Firenze. Già previsto dalla Conferenza dell’Aia del 1948, viene ribadito in seguito alla Conferenza di Messina del 1955, ma solamente nel 1969 vengono decisi i finanziamenti atti alla sua reale istituzione, riservata agli studi post-laurea, come pilastro per la ricerca e lo sviluppo europei. Finalmente nel 1976 l’Istituto apre le porte ai suoi primi studenti. L'EUI offre uno dei più grandi programmi di dottorato e post-dottorato nelle scienze sociali in Europa. L'EUI ospita importanti accademici e responsabili politici di tutto il mondo per seminari, convegni e altri eventi internazionali.

Fonte: sito EUI