Sopra il teatro ed altri monumenti dell'antica Faleria nel Piceno

print this page

Sopra il teatro ed altri monumenti dell'antica Faleria nel Piceno memoria dell'avvocato Gaetano De Minicis (1839)

Misure: 23x16x1,5 cm

L’avvocato Gaetano De Minicis in quest’opera narra dei reperti archeologici dell’antica città romana di Faleria nel Piceno, oggi denominata Falerone: gli scavi, avvenuti nel 1836, fecero riemergere vari reperti, tra cui un busto marmoreo, nei pressi di un vomitorio [1] ricoperto di calcestruzzo, e una statua colossale di donna senza capo e braccia. De Minicis si concentra particolarmente sulla descrizione architettonica del teatro, formato da mura laterizie: il perimetro era di circa 82 metri e il diametro di circa 49, il pavimento era in marmo ed il portico era composto da 22 colonne scanalate, rivestite con marmo africano.

Il testo è accompagnato da una prima tavola che illustra la pianta dell’antico teatro e da una seconda tavola che mostra le statue rinvenute all’interno dell’edificio.

[1] Negli antichi teatri e anfiteatri romani, ciascuna delle aperture attraverso le quali il pubblico accedeva dai corridoi alle gradinate.

FULL TEXT

Vai al CATALOGO