La Briologia: il campo prediletto degli studi

print this page

La Briologia fu il campo di studi prediletto dal De Notaris. Da Cortini Pedrotti (1991) vengono tratte le seguenti notizie: De Notaris descrisse numerose specie di muschi, delle quali 9 sono tuttora valide. Ha pubblicato 15 opere sui muschi, alcune floristiche, altre sistematico-tassonomiche. Tra le date salienti in questo campo ci sono (Cortini Pedrotti, 1991):

  • 1832-1833: pubblicazione delle due centurie dell’Enumerazione delle piante crittogame non descritte nella flora crittogamica dell’Italia settentrionale di Ciro Pollini, in collaborazione con Balsamo Crivelli. Questa opera contiene la segnalazione di nuove specie e i risultati dei primi studi briologici del De Notaris, intrapresi quando egli era ancora studente.

  • 1834: pubblicazione di due opere sui muschi del Milanese, sempre in collaborazione con Balsamo Crivelli: Prodromus Bryologiae Mediolanensis Synopsis Muscorum in agro Mediolanensi hucusque lectorum.

  • 1836: pubblicazione del Mantissa Muscorum ad floram pedemontanam, un’opera che completava l'elenco dei muschi del Piemonte e della Valle D’Aosta allora conosciuti.

  • 1837: pubblicazione del Muscologiae Italicae Spicilegium, un’opera con correzioni floristiche critiche sui Muschi allora conosciuti e descrizioni di nuove specie per il Piemonte, la Sardegna, la Lombardia e la Toscana.

  • 1838: pubblicazione della monografia Specimen de Tortulis italicis, importante opera di sistematica e tassonomia del genere Tortula. Nello stesso anno venne pubblicato anche il Syllabus muscorum in Italia et in insulis circumstantibus hucusque cognitorum, importante per la sistematica dei Muschi.

  • 1858: pubblicazione dei Musci Napoani, opera nella quale il De Notaris determina i muschi raccolti da Osculati lungo il fiume Napo, in Sud America.

  • 1862: pubblicazione del primo fascicolo dei Musci italici. Con questa prima pubblicazione l'intento del De Notaris era di dare alla stampa un'opera generale illustrata sui muschi italiani, ma solo questo primo fascicolo gli venne pubblicato con i suoi magnifici disegni. Purtroppo non fu così per il futuro (vedi Cortini Pedrotti, 1990). Questo primo fascicolo si occupa ancora del genere Tortula.

  • 1865: pubblicazione della Cronaca della Briologia Italiana, da considerarsi la continuazione in forma ridotta e senza disegni dei Musci italici.

  • 1869: pubblicazione dell’Epilogo della Briologia Italiana, l'opera più importante sui muschi del De Notaris, pubblicata purtroppo senza i magnifici disegni che lo accompagnavano. Tuttavia, quest'opera gli valse il riconoscimento del mondo scientifico internazionale e il premio Desmazières.

Il Fondo De Notaris ospita numerosissime opere relative ai muschi, molte di queste hanno come autore il De Notaris stesso, mentre altre appartengono ad altri autori italiani ed internazionali.