Storia della Clinica pediatrica

print this page

clinica pediatrica1

Luigi Concetti (1854-1920), primario di questo Ospedale dal 1890, nel 1894 consegue la libera docenza in patologia e clinica pediatrica. Grazie a lui ha inizio a Roma il primo insegnamento di clinica pediatrica con il corso pareggiato per studenti. 

Il 2 dicembre 1894 la sua prolusione fu dedicata allo stato della pediatria. Nel 1896 il ministro della Pubblica Istruzione Guido Baccelli gli affida con decreto (14 dicembre 1896) l’incarico dell’insegnamento di patologia e clinica pediatrica del quale divenne ordinario nel 1899.

Inizialmente Concetti per l’insegnamento si basa sui bambini che frequentano l’ambulatorio, gestito dalla Società Soccorso e Lavoro con sede in Trastevere, e dei piccoli ricoverati presso il Bambino Gesù. Le lezioni tenute nei locali sotterranei dell’Istituto di Clinica Chirurgica allora diretto dal prof. Francesco Durante e sito a Trastevere in via Garibaldi 44. Aspetto innovativo apportato all’insegnamento è il permettere agli studenti di seguire i malati nella loro casa, in modo da seguire e comprendere il decorso e l’esito delle cure. 

Nel 1898-99 il Concetti, grazie ad un contributo da parte del Ministero, riesce a stilare una convenzione con l’Ospedale Santo Spirito, che mise a disposizione, durante l’anno scolastico, una sala con l0 lettini per bambini svezzati, due culle per lattanti con letti per le madri, una suora e due infermieri. Le lezioni dirette dal prof. Francesco Businelli erano tenute nel vicino anfiteatro della Clinica Oculistica. Il corso di pediatria era facoltativo e divenne obbligatorio solo dal 1910-11. Nel rinnovare la convenzione, due anni dopo, il Concetti ottenne un allargamento degli spazi, una stanza per la direzione e una per la biblioteca, dove finirà per installare il primo apparecchio radiologico con la concessione di seguire per l’insegnamento i bambini ricoverati nel reparto difterici.